Prodotti tipici campani: 30 eccellenze della regione

Già denominata dai Romani Campania Felix per la floridità del suo territorio e per il suo bel clima mite, la Campania si contraddistingue ancora oggi per l’eccezionale ricchezza delle sue produzioni tipiche, oggi apprezzate in tutto il mondo.

I prodotti campani, infatti, sono conosciuti e riconosciuti al di fuori dei confini nazionali e internazionali e molti di essi hanno anche ottenuto la Denominazione di Origine Protetta (DOP) o il marchio Indicazione Geografica Protetta (IGP).

Un territorio regionale, quello campano, assolutamente unico dal punto di vista agroalimentare che alla varietà delle produzioni associa anche una cucina divenuta simbolo della dieta mediterranea, fatta di sapori semplici e genuini.

Ma quali sono i prodotti alimentari tipici campani? Quali le loro caratteristiche? Quali quelli che sono stati insigniti dei riconoscimenti DOP e IGP?

Prodotti Campani: le produzioni tipiche delle cinque province

Territorio variegato e contraddistinto da un clima abbastanza peculiare, la Campania vanta una grande varietà di prodotti tipici che, come detto, spaziano dalle produzioni orto-frutticole a quelle casearie, dalle produzioni vitivinicole a quella olivicola.

Scopriamo quindi quali sono i prodotti della Campania provincia per provincia!

Prodotti tipici della Provincia di Napoli

Iniziamo il nostro viaggio alla scoperta dei prodotti alimentari tipici della Campania con le produzioni caratteristiche della Provincia di Napoli.

Questo territorio si caratterizza per una grande varietà di tipicità, grazie alle quali è stato possibile creare piatti divenuti poi celebri a livello internazionale. Tra i prodotti alimentari tipici del napoletano bisogna innanzitutto ricordare i pomodorini del Piennolo del Vesuvio, una varietà di pomodoro importata anticamente dal Sud America che ha però trovato nell’area alle pendici del Vesuvio il suo habitat perfetto.

pomodoro-del-vesuvio-dop

Coltivato oggi in soli 17 comuni della zona vesuviana, questa varietà, conosciuta anche con il nome di “pomodorini di montagna”, si caratterizza per la particolare forma a grappolo, per la lunga conservazione e per il sapore corposo. Grazie alla loro unicità, i pomodorini del Piennolo del Vesuvio sono dal 2009 una produzione DOP campana, oltre che un prodotto agroalimentare tradizione della regione.

Altro prodotto d’eccellenza è l’olio extra-vergine di oliva della Penisola Sorrentina a marchio DOP coltivato sia lungo le aree costiere che nell’entroterra. Si tratta di un olio di alta qualità, dal sapore intenso, aromatico ed equilibrato che ben si sposa con molte ricette tipiche campane e sorrentine.

olio-di-sorrento

Quando si parla di prodotti alimentari tipici della Provincia di Napoli è poi impossibile non citare la famosissima pasta di Gragnano, indicazione geografica protetta dal 2013, ottenuta impastando semola di grano dura e acqua della falda acquifera locale.

pasta-di-gragnano

Passando alle produzioni casearie, tra le eccellenze di questo territorio si ricordano il celebre Provolone del Monaco, formaggio DOP semiduro a pasta filata tipico della Penisola Sorrentina prodotto in 13 comuni dell’area metropolitana di Napoli, e la famosissima mozzarella di bufala, un prodotto tipico non solo della Provincia di Napoli, ma anche del salernitano e del casertano.

provolone-del-monaco-dop

Riconosciuto come prodotto agroalimentare tradizionale della Campania è anche la caciottina canestraia di Sorrento, un ottimo formaggio fresco di latte bovino preparato in tradizionali canestrini di vimini.

E per quanto riguarda la frutta?

Come non citare gli ottimi limoni della Costa d’Amalfi, prodotti IGP e base per la preparazione del limoncello, la mitica mela annurca IGP, oggi coltivata non solo in molti comuni dell’area metropolitana di Napoli ma anche nelle altre province campane, e l’albicocca vesuviana, detta anche “crisommola”, tipica dell’area vesuviana.

limoni-di-sorrento

Anche la produzione vitivinicola della Provincia di Napoli si caratterizza per la sua grande varietà e può vantare vini di grande pregio come la Falanghina dei Campi Flegrei, la Lacrima Christi del Vesuvio e il Piedirosso Doc di Ischia.

vigneto-solopaca

I prodotti tipici delle Province di Benevento e Caserta

Al pari della Provincia di Napoli, anche il Sannio può vantare moltissimi prodotti tipici d’eccellenza.

Partendo dalle produzioni vitivinicole, il beneventano è terra di grandi vini come quelli sotto la denominazione Aglianico del Taburno DOCG, oggi riconosciuta alle coltivazioni vinicole di 13 comuni della Provincia di Benevento, che comprende vini prodotti dal vitigno Aglianico di tipologie rosso, riserva e rosato. A questi si aggiungono il vino di Solopaca, coltivato nell’omonimo comune, la Falanghina del Sannio, vino DOC dal sapore fresco e dall’odore fruttato, e il Guardiolo DOC, vino bianco dal gusto aromatico.

Se le varietà di vini del Sannio sono numerose, altrettanto lo sono i prodotti caseari tra i quali è bene ricordare il Caciocavallo Silano DOP, sia dolce che salto, e il Pecorino di Laticauda, prodotto con latte di pecora.

caciocavallo-silano

Il beneventano si caratterizza poi per la sua ricca produzione di salumi e carni, annoverando prodotti di alta qualità come il Capocollo e la Soppressata del Sannio, il Prosciutto di Pietraroja e il Vitellone bianco dell’Appennino Centrale IGP.

Tanti sono anche i prodotti ortofrutticoli tipici come l’ottimo carciofo di Pietrelcina, le squisite cipolle di Bonea e le ciliegie di Tocco Caudio mentre per quanto concerne l’olio particolarmente apprezzato è quello extra-vergine di oliva “Sannio-Caudio-Telesino”, dal gusto aromatico con note piccanti.

Spostandosi nel Casertano, la varietà dei prodotti campani viene confermata dalle ricche produzioni locali che spaziano dai vini all’olio, passando per i formaggi e i latticini.

Tra questi, “regina” del territorio è sicuramente la Mozzarella di Bufala Campana DOC, prodotta in quasi tutti i comuni della provincia, e alla quale si aggiunge anche la ricotta di bufala a marchio Dop.

mozzarella-di-bufala-dop

Non solo eccellenze casearie, visto che nel casertano si producono anche degli eccellenti oli extra-vergine di oliva, come il Terre Matese e il Terre Aurunche Dop, ai quali si aggiunge anche la coltivazione della famosa oliva di Gaeta.

Non mancano, poi, i vini di qualità come l’Aspirino di Aversa Doc, vino bianco prodotto soprattutto nella zona di Aversa, e il Galluccio di Roccamonfina, comune nel quale viene coltivata anche un’altra eccellenza del territorio ovvero la castagna del vulcano, disponibile nelle varietà tipiche “Tempestiva” e “Paccuta”, la prima così detta per la sua precocità, la seconda per la sua particolare forma rotondeggiante.

castagne-del-vulcano

I prodotti tipici delle Province di Salerno e Avellino

La Provincia di Salerno è un territorio contraddistinto da una grande varietà, caratteristica che si riflette anche nei prodotti alimentari tipici dell’area.

Iniziando dai prodotti caseari impossibile non citare la mozzarella di bufala DOP, prodotta soprattutto nella Piana del Sele, tra i comuni di Battipaglia, Eboli e Paestum, alla quale si aggiungono la burrata e la ricotta di bufala.

Caratteristici del salernitano sono anche il caciocavallo delle Grotte del Cervati e delle Gole di Pertosa, un formaggio a pasta filata stagionato in grotta prodotto nei comuni della Valle del Tanagro e dell’area del Monte Cervati, e il formaggio caprino del Cilento, il “casu”, prodotto nelle varietà dolce e salato.

Passando alle coltivazioni orto-frutticole, tra i prodotti alimentari tipici del salernitano ci sono sicuramente il pomodoro San Marzano DOP, varietà coltivata nell’Agro-Sarnese-Nocerino, conosciuto anche come “oro rosso della Campania”, il fico bianco del Cilento, prodotto ortofrutticolo DOP, apprezzato per la sua digeribilità,  e il marrone di Roccadaspide IGP, una varietà di castagna coltivata alle pendici del Monte Vesole.

pomodoro-san-marzano

Nell’Agro-Sarnese-Nocerino si coltiva anche l’ottimo carciofo pignatella mentre spostandosi nel Vallo di Diano tra i prodotti alimentari tipici ci sono la patata rossa, compatta e a pasta gialla, e il carciofo bianco di Pertosa (Presidio Slow Food).

carciofo-bianco-pertosa-slowfood

Non mancano infine gli oli; tra quelli più rinomati della provincia di Salerno ci sono l’olio extra-vergine di oliva delle Colline Salernitane (DOP) e l’olio extra-vergine di oliva del Cilento (DOP).

Spostandoci in Provincia di Avellino, tra le prime produzioni tipiche ci sono certamente i vini, come il Taurasi, il Greco di Tufo e il Fiano di Avellino, produzioni che hanno ottenuto la Denominazione di origine controllata e garantita (Dogc) e che sono apprezzati anche al di fuori dei confini nazionali.

Non solo vini, visto che l’Irpinia è anche terra di ottimi prodotti della terra.

Come non citare la castagna di Montella Dop e Igp, coltivata nell’omonimo comune e in altri territori dell’avellinese come Bagnoli Irpino e Nusco, la castagna di Serino Igp, una varietà molto pregiata, e il tartufo nero di Bagnoli Irpino, un tartufo capace di conservare un ottimo sapore anche dopo la cottura.

A questi prodotti si aggiungono la nocciola mortarella, la nocciola Camponica (la “Tonda”), quest’ultima coltivata soprattutto nelle aree collinari, e la cipolla di Montoro, conosciuta anche come “ramata di Montoro”, coltivata esclusivamente nel comune di Montorio Inferiore e molto apprezzata per la sua lunga conservazione e per il suo sapore dolce.

Tra i salumi tipici dell’avellinese vanno ricordati il salame di Mugnano del Cardinale, il Capicollo di Zungoli e specialmente la soppressata Irpina mentre per quanto concerne i formaggi da segnalare sono il caciocavallo impiccato e il formaggio carmasciano, prodotto esclusivamente nei comuni di Guardia Lombardi, Rocca San Felice e Frigento.

soppressata-irpina

Questa carrellata dei prodotti alimentari tipici avellinesi non può dirsi completa senza citare gli oli, visto che l’Irpinia è terra dedita alla coltivazione dell’oliva.

Particolarmente interessanti sono le coltivazioni di olive delle colline dell’Ufita dalle quali si ricava un olio di alta qualità, l’Irpina Colline dell’Ufita, dal colore di diverse intensità, dall’aroma fruttato e dal sapore aromatico con note di piccante e amaro.